Offerte estate 2015 in Calabria, le buone occasioni da prendere al volo

Proposte Agriturismi in Calabria Vacanze e Natura

I Soggiorni in Agriturismo in Calabria aumentano sempre di più

Gli agriturismi calabresi crescono sia in termini numerici che di servizi turistici offerti ai visitatori.
In particolare vorremmo suggerire gli agriturismi della Calabria che nascono in collina e nelle montagne ove è poossibile incontrare la vera natura.

Le montagne: il massiccio del Pollino è di natura calcareo-dolomitica con fenomeni di carsismo superficiale, geograficamente il Pollino segna il confine (a nord) con la Basilicata. Nel massiccio del Pollino il monte più alto (anche di tutta la Calabria) è la Serra Dolcedorme con i suoi 2267 metri e il Pollino con i suoi 2248 metri, dal 1991 il gran parte del massiccio è diventato Parco Nazionale del Pollino.

La Sila più che una catena di montagne è un variegato altopiano con montagne che arrivano massimo a 1928 metri del monte Botte Donato, dove è possibile trovare immense distese di boschi, laghi, cascate che solcano i monti e navigano verso il mare, cime che degradano dolcemente e vette che formano naturali balconi che offrono una vista panoramica indimenticabile.
La Sila è divisa in Sila Grande, Sila Greca e Sila Piccola, al suo interno è stato istituito nel lontano 1968 il quinto dei parchi nazionali dopo quelli d'Abruzzo, Gran Paradiso, Stelvio e Circeo. Allora il parco era denominato Parco Nazionale dell Calabria, dal 1997 è diventato Parco Nazionale della Sila.

L'Aspromonte è l'ultima propaggine montuosa dell'Appennino Calabrese e della penisola italiana. Il massiccio dell'Aspromonte è una montagna che nonostante il clima arido in estate è ricca di vegetazione soprattutto lungo i profondi valloni (fiumare) ma anche sui pendii che portano fino alla cima più alta del Monte Moltalto che sfiora i 2.000 metri.
Dal 1994 il massiccio è diventato Parco Nazionale dell'Aspromonte dove l'area protetta si estende su 78.500 ettari e 36 comuni coinvolti.